Italia - Gran Bretagna. Olimpiadi Londra 2012Affascinante, antico ed elegante! La scherma è da sempre uno degli sport     olimpici  piu’ praticati nel corso secoli, non tanto per difesa personale quanto per il suo valore di sport e’litario. Consite in un combattimento leale con l’uso di fioretto, spada e sciabola. Questa è l’unica disciplina, insieme ad atletica leggera, ciclismo e ginnastica, che compare ininterrottamente nei giochi olimpici dell’era moderna.

Praticare la scherma vuol dire avvicinarsi all’alta societá che fa di questo sport uno degli elementi di distinzione sociale.  Spesso si crede che  tirare di scherma sia semplice e non richieda uno sforzo eguale ad altri sport piu’ gettonati. Niente di piu’ lontano dalla realtá! Si tratta infatti di uno sport che richiede concentrazione, agilita’, rapidita’ nei movimenti, prestanza fisica e molta intelligenza! Prevedere le azioni dell’avversario, infatti, in molti casi si traduce in una stoccata a favore. Gli schermatori sono sottoposti a duri allenamenti fisici per migliorare resistenza e velocitá.

La nascita della scherma

Camillo Agrippa

Le sue origini sono remote e non e`possibile fornire una data precisa. Ma la sua prima apparizione come sport vero e proprio si deve agli antichi egizi (1200 A.C.) per poi arrivare da noi, attraverso i greci ed, in seguito, ai romani.

La scherma attuale, peró, nasce e si svluppa  nel periodo del Rinascimento, anche se il duello di punta nasce nel XVI secolo grazie all’ italiano Camillo Agrippa che scoprì che l’arma, con opportune modifiche, sarebbe diventata ancora più leggera e maneggevole. Fu pero’ il Cinquecento il secolo nel quale vennero gettate le basi della scherma moderna

Gli schermidori si affrontano su una pedana lunga 14 m. e larga 2 m e le categorie in cui ci si puo’ specializzare sono 3:

  1. Fioretto
  2. Spada
  3. Sciabola

Nelle olimpiadi di Londra 2012, come da tradizione, l’Italia l’ha fatta da padrona in quasi tutte le discipline. Soprattutto nel fioretto femminile dove le atlete azzurre si sono aggiudicate tutti e tre i gradini del podio.

Storicamente la Federscherma (FIS) sforna grandi talenti che conquistano un numero tanto enorme di medaglie da rappresentare circa 1/3 delle medaglie totali dell’intera spedizione olimpica italiana.  Ad oggi l’Italia è la nazione che, nella scherma, ha totalizzato il maggior numero di medaglie alle olimpiadi. Gli atleti azzurri hanno (finora) conquistato ben 121 medaglie di cui 48 d’oro, 40 d’argento e 33 di bronzo, staccando definitivamente la Francia, ora relegata in seconda posizione.

Tra gli atleti più rappresentativi ai giochi olimpici ricordiamo:

  1. Edoardo Mangiarotti (13 medaglie)
  2. Valentina Vezzali  (9 medaglie)
  3. Giulio Gaudini (9 medaglie)
  4. Giovanna Trillini (8 medaglie

La scherma: uno sport intelligente

La scherma offre,dunque, la possibilitá di intraprendere un sport diverso, emozionante e stimolante sotto ogni aspetto. Necessita di dedizione e sforzo ma in cambio puó offrire enormi soddisfazioni personali. La professionalitá e l’imparare divertendosi sono considerati gli elementi chiave per riuscire  in questo sport.

 Cosa aspetti allora! Oltre che l’agilitá e la forza fisica, la scherma migliora anche le proprie capacitá intellettive, migliora la concentrazine e la percezione degli eventi e per questo aiuta il nostro cervello a rimanere vigile e attento. Avvicinaati alla scherma! Chissá che non sia proprio tu a diventare il nuovo D’artagan…