Jogging e cellulite

0
Il jogging contro la cellulite

Le persone afflitte dalla cellulite su cosce, fianchi e glutei spesso provano imbarazzo quando si tratta di indossare pantaloncini o costumi da bagno. Abbiamo parlato di ‘persone’, tuttavia la cellulite è una condizione quasi esclusivamente femminile. Anche se non si tratta di una condizione pericolosa per la vita, è un aspetto che può essere comunque migliorato tramite una corretta alimentazione, la gestione del peso forma e del sano sport. Un esempio? Jogging e cellulite: sport benefico contro questo inestetismo.

Il jogging e la cellulite

Ma che cos’è la cellulite? La cellulite deriva dal tessuto fibroso che collega la pelle al muscolo sotto la sua superficie. Quando le cellule adipose si accumulano e si gonfiano per l’aumento di peso, iniziano a spingere contro la pelle, creando un aspetto a fossette. Per questo la cellulite viene solitamente identificata come pelle a buccia d’arancia. Le istanze di questa condizione vanno da casi gravi che causano una pelle completamente irregolare, a casi lievi che sono visibili solo quando la pelle viene pizzicata.

Perdere peso è di sicuro un buon modo per ridurre la cellulite. Ridurre il grasso e rafforzare il tessuto muscolare di gambe, cosce e glutei può migliorare l’aspetto della pelle a fossette. Una dieta ipocalorica, deve, peró, essere abbinata ad un'adeguata attivitá fisica che consenta di eliminare questo inestetismo: il jogging.

Jogging e cellulite

lzf || Shutterstock

Il jogging contro la cellulite

Il jogging vanta innumerevoli benefici. È un metodo efficace di esercizio cardiovascolare che, a seconda del peso di partenza e della sua intensità, può far bruciare centinaia e centinaia di calorie all’ora. È importante comunque capire che la perdita di peso non elimina completamente la cellulite. Tuttavia, è probabile che se ne ottenga una riduzione.

Ma quanto jogging è importante praticare per prevenire l’aumento della cellulite e mantenere un peso corporeo sano ed un buon tono della pelle? Le linee guida internazionali auspicano ad un minimo di attività fisica moderata di 30 minuti al giorno per cinque giorni a settimana. Questi valori sono stimati sugli adulti di età inferiore ai 65 anni.



Il jogging è una forma di esercizio continua e moderatamente veloce: non è lenta come il walking  ma neanche veloce come il running. Fa lavorare direttamente gambe, glutei e cosce. Se non si è allenati, è facile che, all’inizio di un programma di jogging, le gambe si ingrossino un po’. Si tratta semplicemente dell’aumento iniziale del tono dei muscoli: non ha nulla a che vedere con grasso e cellulite.

Inoltre, il jogging aiuta ad ossigenare i tessuti, migliorando la circolazione e quindi eliminando l’aspetto spesso pallido e freddo della pelle delle cosce afflitte da questo problema. Soprattutto se si corre a stomaco vuoto, i risultati sono più veloci, perché il corpo è a corto di energia e non può fare a meno di prenderla dai depositi di grasso.

Jogging e cellulite

lzf || Shutterstock

Jogging in compagnia

In genere, dopo un po’ la corsa provoca una vera e propria dipendenza dell’atleta da quest’attività. I primi risultati si cominciano a vedere subito e ci si sente più felici grazie alle endorfine messe in circolo dalla pratica del jogging. Questo fa sì che il jogging diventi una sana abitudine e una bella necessità. Gli allenamenti non verranno saltati per pigrizia, soprattutto se si è davvero motivati.

Tuttavia, trovare un compagno di allenamento che condivida gli stessi obiettivi può aumentare le possibilità di successo. Avere qualcuno con cui confrontarsi su eventuali difficoltà ed esperienze comuni può rendere la strada dell’allenamento e del dimagrimento molto più semplice e piacevole.

Occhio però! Gli atleti principianti, le persone in sovrappeso o comunque coloro che soffrono di qualche patologia, dovrebbero discutere con il proprio medico di fiducia. È importante, infatti, informarsi  sui rischi e i benefici di un valido piano di fitness e di nutrizione prima di iniziare ad allenarsi. Questo vale anche se dovessero sorgere problemi durante l’allenamento.