Pallone da calcioUno degli sport che ha generato tanta passione é il calcio. Quest’ultimo nacque come uno sport d’elite ed  é il piú praticato e seguito sia in Europa che  nel sud America. Tale sport é considetato come lo “sport di squadra piú veloce al mondo” ma allo stesso tempo uno dei piú pericolosi in quanto puó causare danni gravi alle articolazioni di ginocchio e caviglia.

 

 

 

Storia del calcio

Il calcio  nacque in Inghilterra nella seconda metá del XIX secolo e da allora si diffuse prima in Europa ed in Sud America e pòi in tutto il mondo. La patria del calcio moderno fu l’Inghilterra:  fu inizialmente praticato da giovani delle scuole più ricche e delle univeristá. Le classi erano sempre composte da dieci alunni, e a questi si aggiungeva il maestro: nacque cosí la consuetudine di giocare in undici. Gli inzi del calcio in Italia risalgono al 1887, quando Edoardo Bosio , organizzó una squadra che 4 anni  piú tardi prese il nome di Footbal Club; nel 1893, a Genova un gruppo di inglesi  fondó il Genoa Cricket, squadra a dominare il primo decenni dell’attivitá calcistica italiana.

Regolamento calcio a 11

Falli e scorrettezze

Le regole del gioco del calcio sono 17 e sono pubblicate dalla FIFA. La principale, che caratterizza questo sport,  é che la palla non puó essere colpita né con braccia e né con mani, l’unico giocatore che ha questa facoltá é il portiere ma solo all’interno della propria area di rigore. Costituiscono infrazioni falli e scorrettezza per le quali l’arbitro deve prendere i dovuti provvedimenti contro il calciatore reo del gesto. I falli sono tutte quelle azioni che comportano l’interruzione del gioco e l’assegnazione di un calcio di punizione di rigore a favore della squadra avversaria, al contrario le scorrettezze sono tutti quei gesti meritevoli di cartellino (sia esso giallo o rosso).

 

Terreno di gioco

Campo di calcio

Terreno di gioco dove si disputano le partite

Il campo di calcio é un terreno di forma rettangolare le cui misure del lato minore possono variare da 45 a 90 metri,
mentre le misure del lato maggiore possono variare da 90 a 120 metri. Il terreno di gioco è delimitato con strisce bianche che segnano i limiti del campo stesso, delle due aree, del centrocampo, e dei calci d’angolo. Al  centro di ciascun lato  minore del terreno di gioco sono situate le porte che sono composte da due pali verticali piazzati in maniera  equidistante dalle bandierine d’angolo. Sul  terreno di gioco sono segnate anche due aree di rigore,  intorno a ciascuna porta. Le  linee sono parte  integrante del  terreno di gioco; quest’ultimo  è diviso a metà:   al  centro si trova una circonferenza (cerchio  di  centrocampo) di       raggio pari a 9,15  metri: da qui viene  battuto il calcio d’inizio al cominciare dei due  tempi di gioco, e  ogni   volta che viene segnato un goal.  Quando una squadra batte il calcio d’inizio, l ‘avversario  deve rimanere fuori dal cerchio di centrocampo.

 

Ruolo, moduli e schemi di gioco

Porterie, difensore,centrocampista, attaccante.

I ruoli principali del calcio sono 4:

portiere

difensore

centrocampista

attaccante

Solitamente i giocatori hanno dei ruoli ben precisi ma non necessariamente  devono rimanere sempre nella loro zona di competenza (es. per un difensore é possibile partecipare ad una fase offensiva). Le squadre solitamente vengono disposte in campo secondo alcuni moduli che si sono canonizzati nel tempo  applicando diversi schemi di gioco a seconda delle scelte dell’ allenatore  o del responsabile tecnico della squadra. Altra figura presente nel mondo calcistico é quella del  capitano il quale è generalmente il giocatore più rappresentativo della squadra. 

 

Scopo del gioco

Lo scopo del gioco è di far entrare il pallone nella porta avversaria, delimitata da due pali verticali congiunti nella parte superiore da una traversa.Una partita di calcio viene vinta dalla squadra che nei 90 minuti di gioco segna più goal di quella avversaria. In caso di numero uguali di reti, o se non sono stati realizzati goal, la partita è considerata pareggiata. In competizioni che prevedano l’eliminazione diretta ed esigono quindi che la gara abbia una vincente, si ricorre di solito a tempi supplementari (due tempi della durata massima di 15 minuti ciascuno) e, in caso di ulteriore parità, si passa ai tiri di rigore per stabilire chi accede al turno successivo.

 

Varianti del calcio

Calcio a 5, calcio a 7 e calcio a 8,beach soccer, calcio per disabili

Esistono diverse altre varianti del calcio, molte delle quali con regole derivate dall’incrocio con altri sport.

Calcio a 5

Una delle varietá di calcio

Il calcio a 5  si gioca tra due squadre di 5 giocatori ciascuno . Le partite durano 40 minuti e si disputano due tempi di 20 minuti   effettivi. Le regole basilari sono simili a quelle del calcio, ma non vi è il fuorigioco, le rimesse laterali vengono   effettuate con i piedi ed è  possibile operare un numero illimitato di sostituzioni. Inoltre in ognuno dei due         tempi di gioco ogni squadra     può richiedere un time-out di un minuto. Diversa è anche la gestione dei falli: le   infrazioni sono   principalmente le stesse del calcio ma, similmente a quanto avviene per esempio nel basket,     dal sesto fallo commesso in un solo tempo viene accordato un tiro libero diretto senza la possibilità di formare una barriera.Le partite si svolgono su campi di dimensioni ridotte rispetto a quello da calcio e  usando delle       porte e un pallone anch’essi più piccoli.

 

 

Il calcio a 7 ed il calcio ad 8 (detto anche calciotto)  sono un misto tra il calcio ed il calcio a 5; le uniche sole differenze sono la durata dei tempi, l’assenza del fuorigioco e le dimensioni del calcio.

 

Beach soccer

Calcio su spiaggia

Altra variante del calcio é il beach soccer. Tale sport viene praticato sulla sabbia e senza scarpe in un campo di 35 per 25 metri. La partita si svolge in 3 tempi di 12 minuti l’uno e, a differenza del calcio,  esistono le espulsioni a tempo; inoltre le rimesse laterali possono essere battute sia con le mani che con i piedi.

 

 

 

 

 

Gioco per portatori di handicap

Calcio per disabili!

Il calcio per disabili si distingue in tre varianti: una per persone affette da cecitá, una per persone affette da paralisi cerebrale infantile e l’altra per disabili su sedie a rotelle.  La prima si gioca tra due squadre di 5 giocatori l’una. Il portiere non deve soffrire di cecità totale . Si disputano due tempi di 25 minuti ciascuno e il campo, di forma  rettangolare, è lungo tra i 38 e i 42 metri e largo tra i 18 e i 22 metri. Viene utilizzato un pallone che emette un suono chiaramente udibile dai giocatori.La seconda è molto simile al calcio tradizionale. Le differenze più importanti si hanno nel numero dei giocatori (7 per squadra), le minori dimensioni di campo da gioco e porte, l’assenza del fuorigioco e la libertà di eseguire le rimesse laterali. Il calcio in carrozzina è simile al calcio a 5 e si gioca su un campo da pallacanestro tra due squadre di 4 giocatori l’una che si affrontano in due tempi di 20 minuti ciascuno.

 

Calcio:una sana competizione

Ormai il calcio in italia è un culto, ormai il calcio piace già da bambini (correndo e stando con gli amici) e dunque questa passione si tramanda senza un vero motivo negli anni successivi. Giocare al calcio è bello perchè unisce tutti, ed è una sana competizione. Questo è il calcio! Non gli stipendi dei giocatori,non il doping o le scommesse: il bello di questo sport  dev’essere divertirsi e vincere con stile, e anche se si perde, il bello è poter dire c’è l’ho messa tutta e mi sono divertito. Per un bambino, il calcio è la cosa più bella del mondo.Fin da bambini c’è quella bellissima competizione che solo il calcio sa trasmettere: tifare una squadra invece dell’altra, fare tanti goal, parare rigori,correre più veloce degli altri! Per un bambino il mondo del calcio è davvero fantastico!
Crescendo il discorso cambia, ma il concetto è sempre quello. Sicuramente sale la competizione ma resta sempre e comunque un fantastico mondo,una passione nata da bambino alla quale è impossibilie dire basta.