Scopri le 3 pericolose controindicazioni di fare spinning

0
controindicazioni dello spinning

Lo spinning è un'attività sportiva sempre più diffusa tra chi ama tenersi in forma. Questo tipo di allenamento, infatti, rappresenta un vero toccasana per tonificare la muscolatura e anche dimagrire.  Si tratta di uno sport inventato a metà degli anni Novanta da Johnny Goldberg, conosciuto anche come Johnny G, e nello specifico si pratica pedalando su una bicicletta molto particolare, simile alla cyclette, composta da un manubrio anatomico, sella regolabile, telaio e pedali, e a cui mancano le ruote.

In una classica lezione di spinning si deve pedalare per una quarantina di minuti in gruppo e a ritmo di musica, come se si stesse seguendo un vero e proprio percorso di ciclismo su strada. Un allenamento di spinning prevede, infatti, una alternanza tra momenti più intensi e altri più leggeri, come se realmente si percorresse un classico percorso composto da salite e discese. Lo spinning è molto diffuso perchè rappresenta un'attività fisica molto divertente e adatta a qualsiasi tipo di persona. Ma, nonostante i tanti benefici dello spinning, ci possono essere anche alcune controindicazioni.

1. Sovraccarica le articolazioni

Lo spinning consente di allenare tutti i muscoli del corpo, ed in particolar modo quelli delle gambe e dei glutei. Proprio perchè l'allenamento è intenso, lo spinning fa ingrossare le gambe e rafforza in tempi brevi i muscoli delle cosce e a rassodare il loro interno, e permette anche di migliorare la massa muscolare delle braccia. Non solo: poichè lo spinning rappresenta un vero e proprio esercizio aerobico, praticarlo costantemente consente di bruciare molte calorie e dimagrire velocemente. 

indoor cycling

wavebreakmedi || Shutterstock

Nonostante i numerosi benefici, lo spinning presenta anche alcune controindicazioni.  Anzitutto, bisognerebbe evitare di praticare questo tipo di allenamento se si hanno dolori o problemi a legamenti, articolazioni e cartilagini: questo perchè l'alta intensità e velocità con cui devono essere eseguiti gli esercizi potrebbero andare a compromettere e peggiorare la già precaria situazione. Se si eccede nell'allenamento, pedalando con troppa foga, ci si potrebbe anche ritrovare con una fastidiosa una tendinite al ginocchio o con problemi al tendine d'Achille e, più in generale, con forti dolori nelle zone inferiori del corpo.

2. Attenti alla schiena

Se sono ben noti i benefici del nuoto sulla muscolatura e sulla postura, sforzarsi sulla bici in posizioni poco naturali non fa altro che peggiorarla. Altra controindicazione di questa attività sportiva, quindi, che si verifica soprattutto quando si eccede negli allenamenti, è quella di finire per assumere una postura scorretta, al contrario di attività come il dorso che fa bene alla schiena. Il fatto di pedalare in piedi, infatti, a lungo andare potrebbe provocare problemi alla colonna vertebrale, e causare, nei casi più gravi, anche fenomeni di tendinopatia rotulea.



Vista l'intensità variabile delle sessioni di corsa, la colonna vertebrale deve adattarsi a posizioni, a volte anche scomode, per sostenere la pendenza del percorso. Alla lunga, può provocarvi forti dolori alla schiena.

Lo spinning fa ingrossare le gambe?

vectorfusionart || Shutterstock

3. Solo per cuori forti

Se da un lato praticare spinning migliora la circolazione sanguigna e previene le malattie cardiovascolari, dovuta all'alternanza di esercizi leggeri ad esercizi più intensi. Lo spinning, inoltre, consente anche di eliminare le scorie nocive presenti nel corpo, come le tossine. Questo tipo di allenamento, poi, garantisce la salute del sistema glicolitico, e permette di potenziare anche il sistema immunitario.

Tuttavia, lo spinning è uno sport decisamente sconsigliato se si soffre di problemi al cuore. Questo perchè con lo spinning la frequenza cardiaca aumenta notevolmente visto lo sforzo fisico, proprio come se si andasse in bicicletta, se non di più. In questo caso, se proprio non si vuole rinunciare a praticare questa attività sportiva, è bene rivolgersi sempre per un parere al proprio medico curante.