L'allenamento a circuito è un tipo di allenamento fitness ad alta intensitá che aiuta a bruciare più rapidamente le calorie rispetto ad un allenamento tradizionale, permettendo di tonificare i muscoli e di perdere peso in poco tempo. Scopri quali sono le caratteristiche dell'allenamento a circuito e perché dovresti iniziare a praticarlo.

Cos'é l'allenamento a circuito?

Sicuramente ti sarai chiesto tante volte cos'é l'HIIT, meglio noto come allenamento ad alta intensitá. L’allenamento a circuito rientra in questa categoria e si chiama cosí perché le serie devono essere eseguite in maniera consecuitiva, senza pause, o comunque con pause molto brevi tra un esercizio e l’altro.

Cos'é l'allenamento a circuito

Ogni circuito si compone di circa 8-12 stazioni, anche se il numero puó variare a seconda dell'intensitá del programma. Il funzionamento dell'allenamento a circuito é molto semplice: quando si completa una stazione, bisogna velocemente a quella successiva, finché non si completa il circuito.

Non dimenticare che se ti senti stanco é molto importante fermarsi e fare una piccola pausa. Se si cerca di portare a termine l'allenamento senza avere la preparazione fisica adeguata, é molto facile rischiare di farsi male. Durante tutta la sessione dell'allenamento a circuito atti infsarai sempre seguito da un personal trainer, in modo che tu possa allenarti al meglio, senza commetere sforzi eccessivi.

Una sessione dell'allenamento a circuito dura circa 55-60 minuti, appunto perché gli esercizi devono essere svolti in modo sequenziale, preferibilmente senza pause. La scelta degli esercizi dell'allenamento a circuito va definita in base all'obiettivo che si vuole raggiungere: perdere peso, aumentare la resistenza, la forza o semplicemente perdere i chili di troppo accumulati durante l’anno.

A cosa serve l'allenamento a circuito?

Nonostante sia sicuramente un allenamento faticoso, se ci si allena con costanza sará possibile notare un cambiamento sin dalle prime settimane, permettendoti di avere la pancia piatta con gli addominali e gambe snelle e toniche.



Ciasuna sessione di allenamento a circuito sará sempre diversa della successiva: abbinando le stazioni con altri attrezzi come le kettlebell, le battle ropes o altri accessori da palestra, si creano innumerevoli combinazioni di esercizi, diversi tra loro sia l’intensità di allenamento sia per quanto riguarda il livello di abilità richiesto. Non é necessario essere dei professionisti per allenarsi con l’allenamento a circuito, l’importante é iniziare poco a poco, aumentando gradualmente la difficoltá degli esercizi.

I migliori benefici dell'allenamento a circuito

Dusan Petkovic || Shutterstock

Inoltre l’allenamento a circuito porta con sé una forte componente motivazionale: normalmente ciascuna sessione viene eseguita in gruppo, creando cosí dinamiche sempre coinvolgenti e stimolanti. L’allenamento a circuito é un’ottima soluzione per chi ha voglia di allenarsi, ma ha bisogno del supporto di altre persone per portare a termine l’allenamento. Quindi, niente piú scuse per non andare in palestra: potrai perdere peso in poco tempo, allenandoti in compagnia.

I pro e i contro dell'allenamento a circuito

L’allenamento a circuito rappresenta sicuramente uno dei modi per aumentare la massa muscolare in poco tempo, ma non bisogna dimenticarsi di analizzare anche i suoi contro.

Per chi non é abituato, una sessione di allenamento a circuito puó essere particolarmente stancante e si possono avere cedimenti sia a livello fisico e psicologico. Allenarsi in gruppo é positivo perché ci sentiamo spronati a fare di meglio. Il rischio é per quello di non sentirsi all’altezza, paragonandosi a chi riesce a portare a termine la sessione. Bisogna cercare di svolgere l'allenamento a circuito essendo consapevoli delle proprie capacitá: al contrario si possono provocare più danni che benefici.

Inoltre, lo scopo dell’allenamento a circuito é quello di eseguire gli esercizi in maniera sequenziale, appunto senza pause. Se l'allemento a circuito permette di avere la pancia piatta o di tonificare i muscoli, dall’altro non consente di avere una tecnica precisa. Spesso infatti gli esercizi vengono eseguiti in maniera scorretta, sentendo la pressione di dover passare alla stazione successiva.